Alternatiba : Alcune soluzioni per lottare contro i cambiamenti climatici

TRADOTTO DA CHANTAL DORN E CORRETTO DA ELENA MORES

Il 22 settembre a Ginevra si è svolta la quarta edizione del festival Alternatiba Léman. Si tratta di un festival che offre alternative locali per vivere e consumare in modo più sostenibile nel rispetto dell’ ambiente. Sabato scorso al parc des Bastions erano presenti decine di migliaia di persone.

« Cambiare il sistema, non il clima »

Alternatiba è innanzitutto la storia di un gruppo di uomini e di donne che nel 2013 decidono di creare un movimento cittadino per il clima e la giustizia sociale. È a Bayonne, quando il 5° rapporto del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico afferma ancora una volta ribadisce l’impatto dell’attività umana sul riscaldamento climatico, che il primo villaggio delle alternative vede la luce. L’entusiasmo di 12000 persone ha permesso in questo modo di lanciare un appello e ha portato alla creazione di centinaia di Alternatiba in Francia e all’estero.

Alternatiba si basa sulla constatazione del fatto che il riscaldamento climatico accelera e che sia ora di agire per evitare conseguenze climatiche inarrestabili. Per questo motivo il festival offre soluzioni alternative e prova a rafforzarle per sensibilizzare il maggior numero possibile di persone. L’obiettivo è cambiare il sistema, non il clima.

Numerose azioni grazie a più di 150 collettività collettivi

Questo movimento ha acquisito maggiore visibilità negli ultimi anni e oggi conta più di 150 collettività collettivi Alternatiba distribuitei sul territorio francese e non solo. Svizzera, Senegal, Haiti, Spagna ma anche Gran Bretagna ne fanno parte.

Queste università popolari a cielo aperto permettono di riorganizzare lo spazio pubblico attorno a ogni sfera della nostra società. Infatti l’economia, l’agricoltura, l’alimentazione, i trasporti, l’educazione ma anche l’energia sono temi strettamente legati al cambiamento climatico. A questa funzione altruista si sommano vere e proprie mobilitazioni che vogliono trasmettere diffondere il messaggio delle alternative possibili. Sono sorte molte manifestazioni cittadine alla vigilia della COP21, e più di recente contro i trattati di libero scambio. Il movimento deve inoltre il suo successo al « Tour Alternatiba», un viaggio di quattro mesi in bicicletta in tutta la Francia e nei paesi di confine. Questa avventura ha l’obiettivo di dimostrare che un altro sistema economico e sociale è possibile per il nostro mondo.

Alternatiba Léman

È innanzitutto con l’obiettivo di mobilitare gli attori e le società civili gli attori della società civile in occasione della COP21 che il festival si è diffuso anche in Svizzera. In seguito, la costruzione di una regione ginevrina e di un’identità transfrontaliera sostenibile, equa e solidale è diventata centrale ad Alternatiba Léman. Se la questione del clima è onnipresente al festival, quella dell’organizzazione della società e del modello di sviluppo è anch’essa fondamentale.

È per queste ragioni che centinaia di organizzazioni e associazioni erano presenti il 22 settembre scorso. Una di queste era l’associazione/negozio di alimentari Le Bocal Local, rappresentato dalla sua co-creatrice Déborah.

Incontro

                                      Crediti Léore Pujol Piffat

È da tre anni ormai che Déborah partecipa al festival Alternatiba Léman. La sua associazione Le Bocal Local offre alcune alternative e promuove una cittadinanza eco-responsabile. Il negozio di generi alimentari propone prodotti senza confezioni usa e getta e principalmente locali per incoraggiare l’interdipendenza tra ambiente e salute attraverso la « consom’action » (ndt. « consum’azione»). Questo negozio di prodotti sfusi è il tipico esempio di un sistema nel quale è possibile consumare diversamente, in modo ragionato, locale e biologico per ridurre il proprio impatto ecologico. I cambiamenti negli atteggiamenti sono un segno di collaborazione e di creazione di legami sociali. Questi sono i componenti fondamentali dell’associazione Le Bocal Local.

In questo modo Déborah cerca di costruire una rete di sostegno tra i consumatori creando sinergie tra i diversi attori della società. Déborah ,e preferisce la cooperazione alla concorrenza, collaborando con diverse associazioni che condividono i suoi stessi valori.

Costruzione di una consapevolezza collettiva

In Svizzera come all’estero la popolarità del festival aumenta da diversi anni. Déborah sottolinea inoltre che al giorno d’oggi una consapevolezza sempre maggiore interferisce con ogni sfera della nostra società. I cittadini si rendono conto della situazione di emergenza in cui si trova il nostro pianeta, e sono sempre più numerose le persone che si ribellarano ribellano contro il sistema distruttore in cui viviamo.

Come ci ricorda il festival Alternatiba, la questione del cambiamento climatico e della tutela dell’ambiente riguarda la società nella sua totalità. Le alternative sono numerose e, soprattutto, a portata di mano: basta solo saperle coglierle!

 

Potrebbe interessarti anche