Centenario della “Dichiarazione Balfour”: il Regno Unito diviso sulla questione palestinese

TRADOTTO DA LETIZIA GARLATTI E CORRETTO DA CHANTAL DORN Centenario della “Dichiarazione Balfour”: lo scorso 2 novembre, Theresa May ha ricevuto Benjamin Netanyahu a Londra per celebrare questo anniversario. Sono passati cento anni: il 2 novembre 1917, Lord Balfour pubblicò una lettera in cui dichiarava che il suo governo era disposto a creare un “focolare […]

Leggi altro

Quote di rifugiati: l’Ungheria deve attenersi alle istruzioni

TRADOTTO DA CHANTAL DORN E BENEDETTA MARIA CAIAZZO Circa due anni dopo la costruzione del muro anti-migranti ai confini tra Ungheria e Serbia e in seguito alla sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione europea del 6 settembre 2017, è necessario un bilancio della politica del primo ministro ungherese, Viktor Orbán. La solidarietà, «fondamento della costruzione […]

Leggi altro

Adani e l’Australia: una relazione conflittuale

TRADOTTO DA VALENTINA NIEDDU E CORRETTO DA SILVIA MONTORSI Il 6 giugno 2017, il presidente del conglomerato Adani ha annunciato “l’avvio formale” della costruzione della miniera di carbone Carmichael che, situata nei pressi della Grande Barriera Corallina, diverrebbe una delle più grandi al mondo. Fin dall’inizio della sua concezione, nel 2010, questo progetto ha suscitato […]

Leggi altro

Università svedesi: l’eccezione che conferma la regola

TRADOTTO DA ELEONORA MARCHIONI E FEDERICA SALZANO Ogni anno viene pubblicata la classifica delle migliori università del mondo. Non è  una sorpresa scoprire che gli Stati Uniti e il Regno Unito sono in testa. Tuttavia sono quasi al pari degli atenei svedesi. Nell’epoca della privatizzazione di massa che coinvolge tutti i settori, la Svezia tenta […]

Leggi altro

Il Montenegro – futuro membro dell’Unione Europea

TRADOTTO DA MARGHERITA PELLEGRINI E CORRETTO DA VALENTINA NIEDDU Il Consiglio d’Europa si è riunito giovedì e venerdì scorsi a Bruxelles per tentare, secondo le parole di Macron, di “rifondare l’Europa su tre colonne portanti: unità, sovranità e democrazia”. Il destino del Montenegro nell’Unione è ormai certo. Diventato membro della NATO (Organizzazione del Trattato dell’Atlantico […]

Leggi altro
Encerclés par la police, ces militants seront arrêtés et conduits au commissariat. Ils ont recours à plusieurs techniques pour empêcher leur identification : pas de papiers d'identité, maquillage sur le visage et glue sur les doigts pour éviter les reconnaissances faciale et digitale. De ce fait, ajouté à leur nombre très élevé, la police ne pourra pas les identifier. Ils seront relâchés sans poursuites après quelques heures. Crédit Alexis Demoment.

Ende Gelände: “la disobbedienza per la giustizia”

TRADOTTO DA BENEDETTA MARIA CAIAZZO E CORRETTO DA CHANTAL DORN Dai fatti di Genova nel 2001, i movimenti di alter-globalizzazione fanno regolarmente parlare di sé. Durante l’estate 2017, il Journal International si è immerso nella campagna climatica di Ende Gelände. Il nostro inviato speciale ha tentato di decifrare il suo funzionamento e di capire le […]

Leggi altro

Colombia: la difficile gestione dell’afflusso di rifugiati venezuelani

TRADOTTO DA ELEONORA MARCHIONI E CORRETTO DA BENEDETTA MARIA CAIAZZO Da diversi anni la Colombia gestisce un massiccio afflusso di venezuelani in fuga dalla crisi politico-economica che affligge il loro paese. In seguito alla deriva autoritaria innescata dal governo di Nicolas Maduro, a partire dall’aprile 2017, il fenomeno si è inasprito. Sono centinaia i rifugiati […]

Leggi altro