Rifugiati: la gestione essenziale dell’accoglienza

TRADOTTO DA CLAIRE SIRITO-OLIVIER E CHANTAL DORN

Le Journal International era presente alla conferenza “Rifugiati : la scelta dell’accoglienza” organizata dall’associazione Forum Réfugiés – Cosi mercoledi 22 febbraio a Villeurbanne (Francia). Chiamati a condividere le proprie testimonianze, le associazioni e i rappresentanti politici presenti hanno evocato l’accoglienza dei richiedenti d’asilo politico sul loro territorio, tra richezza portata dai rufugiati e vive tensioni con certi opponenti. Ecco alcuni momenti forti di questo live.

La conferenza era tenuta per volontà dell’associazione Forum Réfugié – Cosi.

Alcuni eletti locali e una copia di rifugiati interverranno durante la serata #lt@forumrefugiespic.twitter.com/pcxSLmOkWj

— Le Journal Intl (@journal_inter) 22 febbraio 2017

Jean-François Ploquin, direttore generale del Forum Rifugiati, critica la il recupero politico in Francia di questa questione dell’accoglienza dei richiedenti. Prima ricordava la missione più importante della sua associazione: «agire in favore del diritto di asilo».

“La questione dell’accoglienza dei rifugiati è stata globalmente strumentalizzata con l’avvicinarsi delle scadenze elettorali” #ForumRefugies

— Le Journal Intl (@journal_inter) 22 febbraio 2017

Il sindaco di Villeurbanne spiega che in Francia la gestione dell’accoglienza è divisa tra più attori complementari come lo Stato, che fornisce soprattutto la maggiorparte dei finanziamenti, ma anche i comuni, le associazioni e i finanziatori sociali. Le colletività territoriali orientano sistematicamente le persone che si propongono come volontari verso le associazioni partner, come Forum Réfigués (Forum Rifugiati) o Adoma.

“In Francia, i comuni lavorano con finanziatori sociali, associazioni, licei” @JeanPaulBret#ForumRefugies

— Le Journal Intl (@journal_inter) 22 febbraio 2017

Un altro rappresentante politico/deputato evoca il sostegno, ma pure le opposizioni a volte violente dei colletivi di abitanti al momento di creare un centro di accoglienza nel proprio comune. Ha voluto mostrare in reazone agli opponenti la richezza di cui ha potuto approfittare il villaggio et la società in seguito a questa iniziativa.

Un rappresentante politico del Pas-de-Calais evoca le opposizioni al centro di accoglienza nel suo comune #ForumRefugies

— Le Journal Intl (@journal_inter) 22 febbraio 2017

Il deputato evoca la «ricchezza» data dalle persone accolte nel suo villaggio rurale #ForumRefugies

— Le Journal Intl (@journal_inter) 22 febbraio 2017

Sulla questione della sanità, con una frattura tra metropoli e territori rurali :

“L’accesso alle cure è altamente ineguale sul territorio ma l’apertura dei diritti alla sicurezza sociale è facilitata” #ForumRefugies

— Le Journal Intl (@journal_inter) 22 febbraio 2017

Una coppia fuggita da Mossoul in Irak, sul sentimento di isolamento che può essere provato quando il loro arrivo può essere mal percepito dalla società:

Interrogata sull’accettazione da parte della società, la copia irachena risponde che l’apprendimento della lingua li ha aiutati molto #ForumRefugies

— Le Journal Intl (@journal_inter) 22 febbraio 2017

Creditti : imagine d’illustrazione, pubblica.

Potrebbe interessarti anche